Perché questo blog

L’idea è partita ad aprile 2016 quando, prima di partire per il Giappone, ho provato il desiderio di condividere le mie avventure e le mie emozioni in viaggio. Come quando si prova a trattenere a lungo il respiro, per poi buttar fuori più aria possibile, ho provato a racchiudere suoni, sapori e odori al mio interno per poi gettarli sul primo pezzo di carta o sul primo dispositivo mobile a disposizione.

A novembre 2017 si è unita al blog Francesca. Ed è così che il mio bambino è diventato il nostro bambino, che cerchiamo di curare premurosamente e con passione, nonostante i numerosi impegni quotidiani. Francesca è una cara amica, ma quello che ci accomuna è soprattutto la nostra passione per i viaggi, le lingue e le culture.

Siamo perennemente affette dal Fernweh, la nostalgia del lontano. In questo piccolo grande spazio vogliamo dare voce alla nostra generazione, fatta di expat e viaggiatori incontentabili.  Ma se da una parte i luoghi lontani non smetteranno mai di affascinarci, dall’altra custodiamo preziosamente tutto ciò che ci lega ai nostri nidi, la Puglia e la Sardegna.

Il blog rispecchia quindi le nostre passioni: parlare di viaggi, imparare lingue straniere e scrivere cartoline. Alcune cartoline digitali si trovano nell’omonima rubrica, così come i racconti delle nostre esperienze in giro per il mondo. Il nostro punto di vista è a volte ironico, a volte un po’ poetico, ma sempre e soltanto autentico.

noi
Aosta, Italia